Anche gli apprendisti nel “de minims”

Con la circolare n. 128 del 3/11/2012, l’Inps ha sciolto i dubbi sulla natura dello sgravio contributivo spettante al datore di lavoro con forza lavoro fino a 9 dipendenti che ha assunto apprendisti dal 1/1/2012 o li assumerà fino al 31/12/2016.

A distanza di dieci mesi dall’inizio delle agevolazioni previste dalla legge 183/2011 per  il personale assunto con qualifica di apprendista dal 1/1/2012, finalmente l’istituto di previdenza detta le informazioni utili per fruire dello sgravio contributivo al 100% per tre anni.

Anche tale beneficio rientra negli aiuti di stato minori c.d. “de minimis”.

Per tale motivo i datori di lavoro che hanno già assunto, dovranno inviare al più presto la dichiarazione come da allegato 4 della circolare. Con l’occasione l’Inps riepiloga tutto ciò che riguarda tale tipologia contrattuale anche quando assunta dalle liste di mobilità.

 

Allegato 4

 

DICHIARAZIONE SUGLI AIUTI “DE MINIMIS”

(sostitutiva dell’atto di notorietà – art. 47 DPR 28.12.2000 n. 445)

ALLA SEDE INPS DI  _______________________________________

Il/La Sottoscritto/a

NOME___________________     COGNOME__________________________________

CODICE FISCALE_______________________________________________________

NATO/A IL GG/MM/AA__________________ A _______________________________

in qualità di:

X Titolare    X Legale rappresentante

DENOMINAZIONE AZIENDA_________________________________________

MATRICOLA INPS_________________________________________________

CODICE FISCALE________________        ________________________________

SEDE_______________________ C.S.C._______________________________

NUMERO CIDA____________________________________________________

X  lavoratore autonomo (artigiano, commerciante, agricolo) con codice/matricola_____________________________________________________

X  committente di collaborazioni coord. e cont./a progetto (gest. sep. L. 335/95)

DENOMINAZIONE______________________________________________

CODICE FISCALE______________________________________________

X  professionista iscritto alla gestione separata

Al fine di usufruire dell’agevolazione prevista da (indicare esattamente la norma da cui discende il diritto a fruire dell’agevolazione)

________________________________________________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________________________

 PRESO ATTO

 che l’importo massimo di aiuti di stato de minimis che possono essere concessi ad una medesima impresa in un triennio (l’esercizio finanziario in corso e i due precedenti), senza la preventiva notifica ed autorizzazione da parte della Commissione Europea e senza che ciò possa pregiudicare le condizioni di concorrenza tra le imprese, è pari a € 200.000 (€ 100.000 se impresa attiva nel settore del trasporto su strada, € 30.000 se impresa attiva nel settore della pesca, € 7.500 se impresa attiva nel settore della produzione agricola, € 500.000 se impresa che fornisce servizi di interesse economico generale);

  1.        che le agevolazioni di cui alla presente dichiarazione sono soggette a regime de minimis di cui al:

(barrare la casella che interessa)

 

- Regolamento (CE) n. 1998/2006 del 15 dicembre 2006 (pubblicato sulla G.U.U.E. L 379 del 28.12.2006), sugli aiuti di importanza minore (“de minimis”)

Regolamento (CE) n. 875/2007 del 24 luglio 2007 (G.U.U.E. L 193 del 25.07.2007), relativo agli aiuti "de minimis" nel settore della pesca

- Regolamento (CE) n. 1535/2007 del 20 dicembre 2007 (G.U.U.E. L 337 del 21.12.2007),  sugli aiuti d’importanza minore “de minimis” nel settore della produzione dei prodotti agricoli

- Regolamento (CE) n. 360/2012 del 25 aprile 2012 (G.U.U.E. L 114 del 26.4.2012),  sugli aiuti d’importanza minore “de minimis” ad imprese che forniscono servizi di interesse economico generale, col rispetto delle condizioni previste all’art. 2, paragrafi 6, 7 e 8, del Regolamento

- che al fine della determinazione del limite massimo devono essere presi in considerazione tutte le categorie di aiuti pubblici, concessi da Autorità nazionali, regionali o locali, a prescindere dalla forma dell’aiuto o dall’obiettivo perseguito;

- che in caso di superamento delle soglie predette l’agevolazione suindicata non potrà essere concessa, neppure per la parte che non superi detti massimali;

- che nel caso l’agevolazione dovesse essere dichiarata incompatibile con le norme del trattato sul funzionamento dell’UE dalla Commissione Europea e l’impresa dovesse risultare destinataria di aiuti di Stato per un importo superiore a tali soglie, sarà soggetta al recupero della totalità dell’agevolazione concessa, e non solo della parte eccedente la soglia “de minimis”;

 DICHIARA

  1.        di non aver beneficiato nell’esercizio finanziario in corso e nei due esercizi finanziari precedenti di aiuti a titolo “de minimis”;

 

OPPURE

 

  1.        di aver beneficiato nell’esercizio finanziario in corso e nei due esercizi finanziari precedenti di aiuti a titolo “de minimis” per un importo complessivo di Euro _____________________________, come specificato nella tabella seguente

 

ENTE EROGATORE

NORMATIVA

di RIFERIMENTO

IMPORTO dell’AGEVOLAZIONE

DATA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SI  IMPEGNA

 

a comunicare in forma scritta all’Inps gli aiuti in regime “de minimis”che l’impresa dovesse ricevere successivamente.

 

È inoltre consapevole che le amministrazioni sono tenute a controllare la veridicità delle autocertificazioni e delle conseguenze civili e penali previste per chi rende attestazioni false.

 

 

 

Luogo e Data__________________                            Firma_______________________

 

 

Rossella Quintavalle

Consulente del Lavoro in Roma

Ultime News

Domanda per diminuzione acconti 730
Lunedì, 22 Settembre 2014
Domanda al datore di lavoro per diminuzione acconti 730 I contribuenti che hanno presentato il modello 730 che prevedeva il prelievo degli acconti... Read More...
L'AE spiega F24 on line
Domenica, 21 Settembre 2014
A chiarimento di quanto già illustrato nella mia news del 16/9/2014, l’Agenzia delle Entrate con circolare del 19 settembre (link in calce) ha... Read More...
19/9/2014 ultimo giorno per ravvedimento
Mercoledì, 17 Settembre 2014
Domani 19/9/2014, è l’ultimo giorno utile per la regolarizzazione dei versamenti di imposte non effettuati entro il 20/8/2014, termine prorogato... Read More...
L’Inps invia il “Bustone 2014”
Martedì, 16 Settembre 2014
L’Inps, che se ne guarda bene dall’inviare il modello CUD o il modello OBISM, sta però inviando il cosiddetto “Bustone” per la raccolta... Read More...
F24 on line e nuovi oneri per il cittadino
Lunedì, 15 Settembre 2014
L’articolo 11 del D.L. 66/2014, convertito in legge n. 89/2014, ha stabilito che a decorrere dal 1 ottobre p.v., anche i cittadini non titolari di... Read More...

Iscriviti alla Newsletter

Compila il modulo seguente e potrai ricevere periodicamente le nostre informazioni su Newsletter

Rossella Quintavalle - Consulente del Lavoro Ordine di Roma N. 2621 - P.Iva 10608740584

RocketTheme Joomla Templates