Errore
  • There was a problem loading image PicExportError.

Anche gli apprendisti nel “de minims”

Con la circolare n. 128 del 3/11/2012, l’Inps ha sciolto i dubbi sulla natura dello sgravio contributivo spettante al datore di lavoro con forza lavoro fino a 9 dipendenti che ha assunto apprendisti dal 1/1/2012 o li assumerà fino al 31/12/2016.

A distanza di dieci mesi dall’inizio delle agevolazioni previste dalla legge 183/2011 per  il personale assunto con qualifica di apprendista dal 1/1/2012, finalmente l’istituto di previdenza detta le informazioni utili per fruire dello sgravio contributivo al 100% per tre anni.

Anche tale beneficio rientra negli aiuti di stato minori c.d. “de minimis”.

Per tale motivo i datori di lavoro che hanno già assunto, dovranno inviare al più presto la dichiarazione come da allegato 4 della circolare. Con l’occasione l’Inps riepiloga tutto ciò che riguarda tale tipologia contrattuale anche quando assunta dalle liste di mobilità.

 

Allegato 4

 

DICHIARAZIONE SUGLI AIUTI “DE MINIMIS”

(sostitutiva dell’atto di notorietà – art. 47 DPR 28.12.2000 n. 445)

ALLA SEDE INPS DI  _______________________________________

Il/La Sottoscritto/a

NOME___________________     COGNOME__________________________________

CODICE FISCALE_______________________________________________________

NATO/A IL GG/MM/AA__________________ A _______________________________

in qualità di:

X Titolare    X Legale rappresentante

DENOMINAZIONE AZIENDA_________________________________________

MATRICOLA INPS_________________________________________________

CODICE FISCALE________________        ________________________________

SEDE_______________________ C.S.C._______________________________

NUMERO CIDA____________________________________________________

X  lavoratore autonomo (artigiano, commerciante, agricolo) con codice/matricola_____________________________________________________

X  committente di collaborazioni coord. e cont./a progetto (gest. sep. L. 335/95)

DENOMINAZIONE______________________________________________

CODICE FISCALE______________________________________________

X  professionista iscritto alla gestione separata

Al fine di usufruire dell’agevolazione prevista da (indicare esattamente la norma da cui discende il diritto a fruire dell’agevolazione)

________________________________________________________________________________________________________________________________________

____________________________________________________________________

 PRESO ATTO

 che l’importo massimo di aiuti di stato de minimis che possono essere concessi ad una medesima impresa in un triennio (l’esercizio finanziario in corso e i due precedenti), senza la preventiva notifica ed autorizzazione da parte della Commissione Europea e senza che ciò possa pregiudicare le condizioni di concorrenza tra le imprese, è pari a € 200.000 (€ 100.000 se impresa attiva nel settore del trasporto su strada, € 30.000 se impresa attiva nel settore della pesca, € 7.500 se impresa attiva nel settore della produzione agricola, € 500.000 se impresa che fornisce servizi di interesse economico generale);

  1.        che le agevolazioni di cui alla presente dichiarazione sono soggette a regime de minimis di cui al:

(barrare la casella che interessa)

 

- Regolamento (CE) n. 1998/2006 del 15 dicembre 2006 (pubblicato sulla G.U.U.E. L 379 del 28.12.2006), sugli aiuti di importanza minore (“de minimis”)

Regolamento (CE) n. 875/2007 del 24 luglio 2007 (G.U.U.E. L 193 del 25.07.2007), relativo agli aiuti "de minimis" nel settore della pesca

- Regolamento (CE) n. 1535/2007 del 20 dicembre 2007 (G.U.U.E. L 337 del 21.12.2007),  sugli aiuti d’importanza minore “de minimis” nel settore della produzione dei prodotti agricoli

- Regolamento (CE) n. 360/2012 del 25 aprile 2012 (G.U.U.E. L 114 del 26.4.2012),  sugli aiuti d’importanza minore “de minimis” ad imprese che forniscono servizi di interesse economico generale, col rispetto delle condizioni previste all’art. 2, paragrafi 6, 7 e 8, del Regolamento

- che al fine della determinazione del limite massimo devono essere presi in considerazione tutte le categorie di aiuti pubblici, concessi da Autorità nazionali, regionali o locali, a prescindere dalla forma dell’aiuto o dall’obiettivo perseguito;

- che in caso di superamento delle soglie predette l’agevolazione suindicata non potrà essere concessa, neppure per la parte che non superi detti massimali;

- che nel caso l’agevolazione dovesse essere dichiarata incompatibile con le norme del trattato sul funzionamento dell’UE dalla Commissione Europea e l’impresa dovesse risultare destinataria di aiuti di Stato per un importo superiore a tali soglie, sarà soggetta al recupero della totalità dell’agevolazione concessa, e non solo della parte eccedente la soglia “de minimis”;

 DICHIARA

  1.        di non aver beneficiato nell’esercizio finanziario in corso e nei due esercizi finanziari precedenti di aiuti a titolo “de minimis”;

 

OPPURE

 

  1.        di aver beneficiato nell’esercizio finanziario in corso e nei due esercizi finanziari precedenti di aiuti a titolo “de minimis” per un importo complessivo di Euro _____________________________, come specificato nella tabella seguente

 

ENTE EROGATORE

NORMATIVA

di RIFERIMENTO

IMPORTO dell’AGEVOLAZIONE

DATA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

SI  IMPEGNA

 

a comunicare in forma scritta all’Inps gli aiuti in regime “de minimis”che l’impresa dovesse ricevere successivamente.

 

È inoltre consapevole che le amministrazioni sono tenute a controllare la veridicità delle autocertificazioni e delle conseguenze civili e penali previste per chi rende attestazioni false.

 

 

 

Luogo e Data__________________                            Firma_______________________

 

 

Rossella Quintavalle

Consulente del Lavoro in Roma

Ultime News

Attenzione alle e-mail truffa su avvisi Equitalia
Mercoledì, 29 Marzo 2017
Crediamo sia importante riportare quanto comunicato sul sito di Equitalia Continuano ad arrivare segnalazioni di e-mail truffa contenenti presunti... Read More...
Ravvedimento F24 a ZERO
Domenica, 26 Marzo 2017
Con un comunicato stampa del 20/3/2017 l’Agenzia delle Entrate chiarisce le conseguenze del ritardato o omesso modello F24 a zero. Queste le... Read More...
Le proroghe lavoro del 1000proroghe
Martedì, 21 Marzo 2017
Il Decreto Legge n. 244/2016 convertito in legge 90/2017 ha stabilito lo spostamento di alcuni degli adempimenti in materia di lavoro tra i quali:... Read More...
IMAGE Premio natalità
Lunedì, 20 Marzo 2017
Dopo la circolare n. 39/2017   che ne ha illustrato le modalità di fruizione, l’INPS con un’ulteriore   circolare, la n. 61 del... Read More...
ABROGAZIONE VOUCHER
Domenica, 19 Marzo 2017
Ne abbiamo parlato per anni, ne abbiamo scritto lodandoli e criticandoli nello stesso tempo, hanno subìto modifiche continue per poi essere abrogati... Read More...

Iscriviti alla Newsletter

Compila il modulo seguente e potrai ricevere periodicamente le nostre informazioni su Newsletter

Rossella Quintavalle - Consulente del Lavoro Ordine di Roma N. 2621 - P.Iva 10608740584

RocketTheme Joomla Templates